Una donna è stata aggredita da un uomo mentre si stava allenando in palestra. È successo in una struttura sportiva nella zona sud di Pescara. La vittima del pestaggio è una 25enne, che è finita al pronto soccorso dell’ospedale Santo Spirito con traumi e ferite. L’episodio, avvenuto intorno alle 15.30 di giovedì 28 luglio, è stato immortalato dalle telecamere interne alla struttura: si vede un uomo, un 50enne di origine albanese, sferrare improvvisamente un pugno sul viso della giovane. L’uomo aveva lavorato come addetto alla sicurezza per i locali della riviera pescarese. La giovane si trovava su una panca intenta a sollevare dei pesi quando l’aggressore le si è avvicinato. Resta da chiarire che cosa possa aver scatenato la sua furia, forse una “parola di troppo”.

“In palestra non c’erano più di dieci persone” ha raccontato un testimone e infatti non si vede gente intorno a loro. Il 50enne è così riuscito a colpire ripetutamente la giovane fino a farla cadere a terra, poi è intervenuto un cliente della struttura che ha allontanato l’uomo poco prima che riuscisse a scagliarle addosso un manubrio con i pesi. La giovane è quindi riuscita a reagire e ha cercato riparo nella cucina retrostante il bar della palestra, ma è stata inseguita e raggiunta dal suo aggressore e soltanto l’intervento di altre persone presenti ha evitato il peggio. Sul posto sono intervenuti i carabinieri che hanno provveduto ad isolare l’aggressore. Il titolare della palestra ha quindi presentato denuncia dal momento che la vittima è ancora “molto spaventata” per farlo, secondo quanto è stato riportato da un suo conoscente.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bimba morta a Milano, la madre di Alessia Pifferi: “Per me non esiste più”

next
Articolo Successivo

Civitanova Marche, ambulante nigeriano ucciso per strada a bastonate. L’assassino: “Ha importunato la mia ragazza”

next