“Ti ricordi quel 9 luglio” questo il nome dell’evento che si è tenuto sabato di fronte ai cancelli della Gkn di Campi Bisenzio la fabbrica che produceva semiassi per Stellantis di proprietà del fondo di investimento inglese Melrose che il 9 luglio scorso mandò una mail agli operai avvertendo che il lunedì successivo non sarebbero dovuti tornare al lavoro percheé erano licenziati.

I 422 lavoratori della Gkn e delle ditte in appalto (pulizie etc) hanno reagito occupando la fabbrica e convocando un’assemblea permanente. Le istituzioni locali del territorio si sono strette attorno alle rivendicazioni dei lavoratori e la lotta è diventata un simbolo nazionale contro la delocalizzazione. Oggi c’è un nuovo proprietario Francesco Borgomeo ma ancora si sta aspettando un piano industriale. Intanto gli operai e i ‘solidali’ che hanno accompagnato la Gkn in quest’anno festeggiano con un concerto di fronte ai cancelli.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

I lavoratori digitali creano il loro sindacato: una nemesi per Google e il capitalismo delle piattaforme

next
Articolo Successivo

Se un privilegio (anche piccolo) diventa un danno per chi sta peggio: l’autobiografia di una classe in lotta del “chav” Dom Hunter

next