Un amore mai corrisposto né quando era un ragazzo né dopo, quando aveva detto di aver cambiato sesso. Ma il corteggiamento nei confronti di una ex compagna di scuola è diventato una persecuzione che ha portato un 39enne prima a subire un divieto di allontanamento, poi gli arresti domiciliari, quindi il carcere. Ultimo atto la condanna per stalking a un anno e mezzo inflitta dal giudice per l’udienza preliminare di Milano, Alessandra Di Fazio, senza sospensione della pena.

Tra il 1999 e il 2000, quando frequentavano le superiori assieme, l’uomo aveva provato a corteggiarla, ma era stato respinto. Dopo 20 anni si è rifatto vivo con un telefonata spiegandole anche “di aver cambiato sesso“, da donna a uomo, e da quel momento, dall’ottobre 2020 e fino all’aprile 2021, ha iniziato a perseguitare quella sua ex compagna di scuola con chiamate, anche ai suoi familiari, e con “appostamenti quasi giornalieri nei pressi del luogo di lavoro” della vittima.

Già nel novembre 2021 il giudice per le indagini preliminari di Milano Guido Salvini aveva emesso un’ordinanza di divieto di avvicinamento per il 39enne che con “insistenza e ostinazione” continuava a molestare la donna “nonostante gli allontanamenti subiti per mano dei vigilanti, dei colleghi o delle Forze dell’ordine” intervenuti dove lei lavorava. Tanto che la donna aveva dovuto modificare il tragitto da casa al luogo di lavoro.

Dopo “anni di silenzio”, ha spiegato nelle denuncia la donna, “nell’ottobre 2020” aveva ricevuto la prima telefonata dell’ex compagno di scuola, il quale, si legge nell’ordinanza, “dichiarava di aver cambiato sesso, di volerla incontrare e di volerle consegnare anche delle poesie d’amore“. Al suo rifiuto erano scattati gli atteggiamenti persecutori andati avanti per mesi, tra cui anche telefonate al marito, al padre e ad un amico della vittima di stalking. Dopo aver violato il divieto di avvicinamento il 39enne è finito ai domiciliari. In seguito è stato trovato fuori casa e la misura è stata aggravata nella custodia in carcere. Dopo la condanna di oggi la difesa ha fatto istanza per chiedere i domiciliari.

Articolo Precedente

Guerrina Piscaglia, i familiari fanno causa alla diocesi e chiedono un risarcimento (che era stato già negato)

next
Articolo Successivo

Mimmo Lucano, i difensori ottengono la valutazione di una perizia su 5 intercettazioni: una non era neanche stata trascritta

next