Un nuovo video shock mostra l’omicidio di un afroamericano di 25 anni, Jayland Walker, crivellato d Akron, in Ohio, da 60 colpi dopo un inseguimento da parte della polizia, nonostante fosse disarmato quando è uscito dalla macchina. La diffusione delle immagini rischia di accendere nuove proteste in America contro la brutalità della polizia verso le minoranze. Il sindaco e la polizia di Akron hanno lanciato un appello alla calma in vista delle manifestazioni di protesta previste in città.

Secondo la versione della polizia, gli agenti avevano tentato di fermare l’auto del giovane per una non meglio precisata violazione stradale e dopo meno un minuto di inseguimento un colpo è sembrato partire dalla sua vettura. A questo punto il caso è diventato una questione di sicurezza pubblica. Dopo alcuni minuti, l’auto ha rallentato e Walker è uscito indossando un passamontagna scappando a piedi verso un parcheggio, dove si è udito un crescendo di spari. Secondo l’avvocato dei famigliari della vittima, l’uomo è stato colpito 60 volte. Nella sua auto è stata trovata una pistola e un caricatore pieno, mentre un bossolo compatibile con l’arma è stato recuperato nel punto dove gli agenti ritengono sia partito il colpo sentito durante l’inseguimento. Tutti gli agenti coinvolti sono stati sospesi in attesa dell’esito delle indagini. La famiglia e il suo avvocato chiedono giustizia, domandandosi come mai la polizia abbia sparato tutti quei colpi contro un uomo disarmato. In un tweet la star Nba LeBron James, originario di Akron (vicino a Cleveland), ha detto di pregare per la sua città.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Turchia, l’opposizione dell’Hdp va a congresso nonostante le migliaia di incarcerazioni e il rischio di messa al bando

next
Articolo Successivo

Palestina: storia di Banat, aggredito e ucciso dai servizi. La famiglia non crede più nella giustizia

next