“Il sociologo De Masi racconta a il Fatto Quotidiano che il premier Mario Draghi ha chiesto a Beppe Grillo di rimuovere Giuseppe Conte perché inadeguato? Ho letto l’intervista e sono dichiarazioni gravi. Mi aspetto una smentita, altrimenti sarebbe complicato gestire questa situazione all’interno di questo governo“. A spiegarlo è la deputata M5s Vittoria Baldino, commentando le rivelazioni dello stesso Domenico De Masi, professore emerito di Sociologia del Lavoro all’università Sapienza di Roma e coordinatore scientifico della scuola di formazione del M5S, che aveva incontrato negli scorsi giorni il Garante e co-fondatore del M5s a Roma.
Se Grillo ha liquidato l’intervista e la ricostruzione con poche parole (“Con le vostre storielle coprite la verità“), lasciando l’Hotel Forum nella Capitale per raggiungere il Senato e proseguire gli incontri con i parlamentari del M5s, Baldino invece spiega: “Abbiamo sempre detto che la fiducia al governo non è incondizionata. Siamo al governo non per mantenere rendite di posizione, ma per fare delle cose. Se questo avviene noi continuiamo a essere leali al governo, ma ci aspettiamo altrettanta lealtà dal presidente del Consiglio”.
Pure Mario Perantoni, presidente M5s della commissione Giustizia della Camera, concorda: “Se fosse vero, dentro il governo si creerebbe certamente un rapporto complicato. Ma mi attengo ai fatti. Giuseppe Conte è il presidente del M5s ed è lui a dare la linea politica. Noi seguiamo la sua linea e restiamo dentro il governo finché sarà possibile difendere i nostri risultati e le nostre battaglie”.
“Se serve un chiarimento da Beppe Grillo sul suo rapporto con Draghi, di fronte al rischio di ‘commissariare’ la leadership di Conte? Gli iscritti hanno legittimato Conte, lui è il presidente M5s. Le decisioni sono prese dagli organi legittimati dagli iscritti. Ascoltiamo tutti, abbiamo sempre ascoltato le posizioni di Grillo, però l’ultima parola spetta a Conte. Serve rispetto dei ruoli. Finché il rapporto tra Draghi e Grillo è confinato nella cornice della lealtà, anche interna, non ci vedo nulla di male. Ma bisogna capire, perché le dichiarazioni di De Masi le ho trovate molto gravi”, ha concluso Baldino.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s, Conte: “Draghi ha chiesto la mia rimozione? Sconcertato. Grillo mi aveva informato ma nostra lealtà al governo non cambia”

next
Articolo Successivo

La corsa al centro, definitiva trappola mortale per i Cinquestelle

next