Acquistare un’auto, di fatto, a costo zero. Come? Semplicemente affiggendo degli adesivi sulla fiancata. Sembra uno scherzo, o una provocazione, e invece è successo davvero. E più di 400 persone ci sono cascate. È la truffa – da accertare, in sede processuale – messa a punto da Massimiliano Casazza e Adelaide De Civita. La prima udienza, come scrive la Repubblica, è fissata per il prossimo 6 luglio.

I fatti risalgono al triennio 2016-2018, quando centinaia di persone hanno affollato gli autosaloni per portarsi a casa macchine del valore di circa 25mila euro, investendone soltanto 6-7mila. Il progetto commerciale era stato chiamato “My Car No Cost”, promosso dalla società Vantage Group, e funzionava così: chi comprava la macchina doveva esibire alcune pubblicità sulle fiancate dei veicoli. Prima, però, doveva fare un bonifico di circa 7mila euro. Al contempo, la società si impegnava a pagare le restanti rate. Il sistema è collassato nel 2018, quando i rimborsi non sono stati più erogati e le persone sono state costrette a pagare le rate di tasca propria. La Guardia di Finanza ha ricostruito un giro d’affari, in quel triennio, di circa 15 milioni di euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Memoria sfregiata, a Gallarate imbrattata (di nuovo) una pietra d’inciampo. Ma il sindaco della Lega Cassani minimizza: “Ragazzate”

next
Articolo Successivo

Foggia, incendio nel ghetto di Rignano Garganico: morto carbonizzato un bracciante di 35 anni

next