Di base “dobbiamo adattarci a situazione di questo tipo, perché è lo scenario dei prossimi decenni, ma dobbiamo evitare di arrivare a situazioni estreme“. A parlare è Antonello Pasini, fisico climatologo del Cnr. La situazione a oggi è grave perché “veniamo già da un inverno e una primavera piena di siccità e adesso, da un mese, ci ritroviamo con l’anticiclone africano. – ha aggiunto – La transizione ecologica deve andare avanti nonostante tutto, perché nel momento in cui parliamo di ritorno al carbone, implicitamente parliamo di ondate ci calore, siccità e di eventi estremi. Nelle situazioni di emergenza si cerca di tappare una falla, ma a lunga scadenza la strada è quella, cioè la diminuzione di gas serra“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Siccità, così l’agricoltore della Bergamasca riesce a risparmiare il 60% d’acqua: ‘Con impianto a pivot la dosiamo al millimetro evitando sprechi’

next
Articolo Successivo

La siccità spegne le fontane. Prima lo stop in piazza Cadorna, poi quella del Castello: è scattata l’ordinanza del comune di Milano

next