Da una parte Rafael Nadal, uno dei più forti tennisti di sempre, dall’altra Matteo Berrettini. Il rettangolo di gioco su cui si sono confrontati è il più famoso, col manto verde curato secondo le regole inglesi. Ma quella che ieri, 23 giugno, si è svolta sul campo di Wimbledon, non è stata una gara ufficiale: i pochi presenti sugli spalti hanno assistito a una “semplice” sessione di allenamento, la prima in assoluto sul prato del centrale dell’All England Club. Una preparazione che ha anticipato di quattro giorni l’inizio ufficiale del torneo in programma dal 27 giugno al 10 luglio.

Lo spagnolo e l’italiano hanno testato il campo, tanto perfetto nell’estetica quanto insidioso per i giocatori. Lo sa bene Adrian Mannarino che l’anno scorso si è ritirato al quinto set del match contro Roger Federer dopo una scivolata. Come Serena Williams, che fu costretta a lasciare il campo in lacrime durante il match di primo turno contro Aliaksandra Sasnovich. Quello di Nadal e Berrettini è il primo training sul Centre Court, ma ne seguiranno altri da qui a domenica.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Serena Williams, la confessione: “Avevo seri dubbi sul mio rientro in campo”

next
Articolo Successivo

Wimbledon 2022 al via: Djokovic cerca il settimo trionfo, Berrettini deve puntare al titolo. Esclusi i tennisti russi

next