Mario Draghi stava parlando alla Camera, in vista del Consiglio europeo, quando a un certo punto Roberto Fico lo ha interrotto per richiamare Filippo Sensi. Il deputato del Pd, in segno di approvazione nei confronti del presidente del Consiglio, anziché applaudire stava battendo i pugni sul tavolo. Subito dopo il richiamo, Luigi Di Maio, seduto accanto a Draghi, ha commentato ironicamente: “Vabbè, dai”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cambi di casacca in Parlamento, M5s da record dopo la scissione di Di Maio: dal 2018 in 160 hanno scelto di andare altrove

next
Articolo Successivo

Con l’addio di Di Maio, Conte può recuperare consensi e salvare il M5s. Ecco perché

next