“È un vero e proprio mercato delle vacche che va fermato. Per questi parlamentari contano solo la poltrona, il mega stipendio e il desiderio di potere”. Era il 2017, Luigi Di Maio era un deputato del Movimento 5 stelle (al primo mandato) e in un video se la prendeva coi parlamentari definiti “voltagabbana“, cioè quelli che lasciavano un partito per entrare in un nuovo gruppo. “Su di noi – continua Di Maio – abbiamo applicato una regola chiara: chi cambia partito tradisce gli elettori, e quindi deve rimborsare il M5s”. Ieri Di Maio ha lasciato il Movimento, fondando un nuovo gruppo chiamato Insieme per il futuro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Di Maio, lavori per un nuovo partito di centro con Sala e i sindaci. Pizzarotti: “Dialoghi in corso”. Toti e De Luca: “È un interlocutore”

next
Articolo Successivo

Errori su orrori, agli italiani serve un governo che tuteli il popolo

next