Un operaio di circa cinquant’anni è morto questa mattina a Nova Siri (Matera) dopo essere caduto da un’impalcatura. Secondo quanto si è appreso, l’uomo era impegnato nei lavori di ristrutturazione di uno stabile. I Carabinieri stanno ricostruendo la dinamica dell’incidente.

Un altro uomo, intorno alle 10 e 40, ha perso la vita precipitando a terra mentre stava costruendo un muretto, a Brenzone del Garda (Verona). È il terzo infortunio mortale sul lavoro in due giorni in provincia di Verona. Sul posto sono intervenuti gli operatori del 118 con un’ambulanza e l’elicottero, assieme ai Vigili del Fuoco e i Carabinieri.

Si tratta della sesta morte bianca in poco più di ventiquattr’ore: ieri hanno perso la vita in quattro. Il più anziano è un operaio di 72 anni originario di Avetrana (Taranto), morto martedì mattina a Lecce dove era impegnato in alcuni lavori di ristrutturazione. Un lavoratore 52enne è stato colpito da una matassa di ferro mentre lavorava in un cantiere edile a Legnago, un operaio 58enne è stato travolto da un treno in transito sulla tratta Roma-Firenze a Città della Pieve (Perugia). A Negrar (Verona), infine, è morto un giovane di 26 anni rimasto schiacciato da un trattore che stava manovrando all’interno dell’azienda vinicola di famiglia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Incidenti sul lavoro, quattro morti a Lecce, Perugia e nel Veronese. Il più anziano aveva 72 anni: è caduto da un’impalcatura

next
Articolo Successivo

Milano, la protesta dei lavoratori del Duomo Bistrot contro i licenziamenti: “La cultura non sempre rende intelligenti” – Video

next