“Il flop del referendum? Mi aspettavo pure di peggio. Non mi meraviglio di quelli che non sono andati a votare, mi meraviglio di quelli che ci sono andati. Diciamo la verità: è stata una cosa un po’ demenziale“. Lo ha detto il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, interpellato sull’esito dei 5 referendum sulla giustizia. “Io sono andato a votare, fedele nei secoli agli obblighi democratici – ha aggiunto De Luca – ma mi sono trovato nelle mani questi 5 lenzuoli, queste 5 schede. Mi mettevo nei panni di una persona di una certa età: ma si può essere così deficienti?“.
Secondo De Luca “dobbiamo capire che questi strumenti di partecipazione diretta vanno gestiti in maniera seria, civile, efficiente. Si fa un quesito alla volta, chiaro, e si chiamano i cittadini a partecipare. Non puoi fare 5 interrogativi da mettere sulle schede. Al di là di questo – ha proseguito il governatore campano – non c’è stato il clima, non c’è stata la partecipazione. Diciamo la verità, ormai i cittadini sono distratti da altre questioni. Non solo le guerre, i conflitti, ma i problemi sociali che cominciano a mordere sulla carne viva delle famiglie, dei lavoratori e dei pensionati. La testa della gente comincia a essere spostata su questi problemi di sopravvivenza e dovremmo capirlo per tempo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sesto San Giovanni, il leghista Di Stefano sfiora la rielezione al primo turno. Foggetta (Sinistra italiana) al ballottaggio, ma pesa il distacco

next
Articolo Successivo

Verona, ora Tosi si offre a Sboarina (e a Meloni e Salvini): “Apparentamento contro la sinistra”. Il sindaco (per ora) non gli risponde

next