È morto in un ospedale a Milano il boss palermitano Raffaele Ganci, capo storico del mandamento della Noce. Aveva novant’anni e stava scontando diversi ergastoli in regime di 41-bis. Ganci, mai pentito, era ritenuto un fedelissimo di Totò Riina, al quale fornì assistenza durante la latitanza. Diede voto favorevole, all’interno della “Commissione provinciale” di Cosa nostra, alla decisione di assassinare i giudici Falcone e Borsellino: i suoi figli, Nunzio e Calogero Ganci, fecero parte del commando che eseguì le stragi.

Vicino al clan dei Corleonesi, fu ritenuto tra i responsabili degli omicidi del giornalista Mario Francese, dei boss Stefano Bontate e Salvatore Inzerillo e del generale e prefetto di Palermo Carlo Alberto Dalla Chiesa. Partecipò anche all’organizzazione dell’assassino del vicequestore Ninni Cassarà (nel 1985) e del giudice istruttore Rocco Chinnici (nel 1983). Il 10 giugno 1993 fu arrestato a Terrasini dopo cinque anni di latitanza, insieme ai figli e al genero Francesco Paolo Anzelmo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Stragi del ’92, i misteri e il ruolo dei Graviano nel libro di Palazzolo: “Quei mafiosi hanno ancora un ruolo, non si può allentare carcere duro”

next
Articolo Successivo

L’arresto di Riina continua ad attirare curiosità. E con esso il caso di Balduccio Di Maggio

next