Oltre 500 persone sono scese in corteo per le strade di Genova nel pomeriggio di ieri 2 giugno per una manifestazione contro guerre e le banche armate in collegamento con quella che si teneva in contemporanea a Pisa contro la costruzione di una nuova base militare. L’elenco degli istituti di credito coinvolti nella vendita di materiale bellico a Paesi terzi da parte di aziende nazionali è stato anche affisso con dei manifesti affianco agli sportelli Atm e bancomat presenti nel tragitto affianco a manifesti contro Leonardo, che da quando è iniziata la guerra in Ucraina, come tutti i comparti internazionali dell’industria militare, sta generando ricavi record.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carlo Smuraglia, l’ultimo saluto al partigiano presidente onorario dell’Anpi: la diretta dalla camera ardente a Milano

next
Articolo Successivo

Modena, la babysitter confessa: “Ho buttato io il bambino dalla finestra, ero in catalessi”

next