L’esplosione di una power bank (batteria esterna) nello zaino di uno studente dell’istituto Ipsar Amerigo Vespucci ha coinvolto otto persone: sette studenti e un insegnante della scuola in via Carlo Valvassori Peroni 8 a Milano. L’incidente è avvenuto intorno alle 8.50 e ha richiesto l’intervento di un’automedica, due ambulanze e la polizia. Due 15enni, un ragazzo e una ragazza, sono stati portati per “lievi sintomi da inalazione di fumo” (codice verde) all’ospedale De Marchi. Una 17enne, che si trovava in un’altra classe rispetto a quella in cui è avvenuta l’esplosione, è stata trasportata per un malore (codice rosso) all’ospedale San Raffaele: il malessere, al contrario di quanto apparso in un primo momento, non è quindi collegato all’incidente. Ancora da chiarire, invece, le cause che hanno portato allo scoppio della batteria. Sul caso sono in corso gli accertamenti della polizia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Poste italiane, servizi in tilt: paura per un un attacco hacker, ma era soltanto l’aggiornamento del sistema

next
Articolo Successivo

Vaccino Covid, il Piemonte chiede chiarimenti al ministero: “Caos sui richiami per chi ha contratto il virus dopo il ciclo primario”

next