Sono tornati in piazza ieri a Roma i gruppi antiabortisti e “pro vita”, protagonisti di una marcia terminata davanti alla Basilica di San Giovanni in Laterano. Tra i politici che hanno partecipato ci sono Simone Pillon (Lega) e Isabella Rauti, a capo di una delegazione di Fratelli d’Italia. Ma alla manifestazione hanno aderito anche un centinaio di associazioni, tra cui “Difendiamo i nostri figli”, le sigle del Family Day e “CitizenGo”, che ha nel suo consiglio d’amministrazione il russo Alexey Komov, legato all’oligarca Konstantin Malofeev, sotto sanzioni dal 2014 e grande finanziatore dei movimenti ultraconservatori “Difendiamo i nostri figli” e delle sigle del Family Day. I promotori dell’iniziativa nella capitale sono gli stessi che nel 2019 hanno organizzato il World Congress of Families di Verona, presieduto da Toni Brandi, leader dell’associazione “Pro Vita & Famiglia”, in prima fila all’evento odierno. Brandi è ritenuto storicamente vicino all’estrema destra, i suoi legami con Roberto Fiore sono più volte emersi sulla stampa. Sul sito del congresso di Verona, Brandi racconta di aver diretto negli anni ‘80 la filiale inglese dell’agenzia di viaggi “Transalpino”. Questa società, fondata dalla famiglia Jannone, tra gli anni ’70 e ’80 aveva sedi in tutta Europa e veniva usata dalle organizzazioni della destra eversiva per dare copertura ai latitanti.

Eppure al convegno di Verona presero parte molti politici di primo piano del centrodestra. Erano presenti l’allora ministro dell’Interno Matteo Salvini, la leder di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni oltre al ministro dell’Istruzione Marco Bussetti e a quello della Famiglia e della disabilità Lorenzo Fontana. E poi l’europarlamentare forzista Elisabetta Gardini, il senatore Simone Pillon e i due presidenti regionali leghisti, Massimiliano Fedriga e Luca Zaia. Tra gli ospiti d’onore presenti all’evento c’erano anche l’arciprete ortodosso Smirnov, celebre per le sue affermazioni misogine, in rappresentanza del patriarca moscovita Kirill molto vicino al presidente russo Vladimir Putin. Tra i relatori non mancava il monarchico legittimista Louis de Bourbon, nipote del dittatore spagnolo Francisco Franco. Il 31 marzo si tenne una marcia per la famiglia e salì sul palco anche il già citato Alexey Komov, che ha sostenuto la manifestazione di ieri a Roma. Difficile, ma non impossibile, ipotizzare che nel 2019 a Verona Salvini non fosse a conoscenza dell’ingombrante passato di Brandi. Già nel novembre del 2016 il leader della Lega appariva in un video comparso sulla pagina Facebook “Pro Vita Onlus” proprio accanto a Brandi, entrambi erano a Mosca per partecipare ad un evento sulla famiglia.

Agli eventi della “World Congress of Families” i russi hanno del resto sempre avuto una presenza importante. Nel 2018 in Moldavia erano intervenuta Yelena Mizulina, oligarca sanzionata dal 2014 e Natalia Yakunina, moglie dell’oligarca Vladimir Yakunin, ex generale del Kgb, ex capo delle ferrovie russe e confidente personale di Vladimir Putin. Tra gli italiani si notava la presenza di Alessandro Fiore (figlio del fondatore di Forza Nuova Roberto Fiore) e, di nuovo, di Toni Brandi.

Il nome di Brandi è segnalato a più riprese nella documentazione processuale sull’eversione di destra: una nota della Legione Carabinieri di Padova riportava che il neofascista latitante Mauro Meli era fuggito a Londra usando il falso nome di Mario Grasso e aveva stretto contatti con Antonello Brandi della agenzia “Transalpino” locale. Anche il politico di estrema destra Stefano Delle Chiaie, coinvolto e assolto nei processi sulle stragi di piazza Fontana e della stazione di Bologna, racconta un incontro con Brandi nella propria autobiografia, “L’Aquila e il Condor”. Inoltre qualche giorno dopo la strage alla stazione di Bologna del 2 agosto 1980, venne fermata in Costa Azzurra Louise Ann Kemp, amante del neofascista Marco Affatigato, esponente di Ordine Nuovo. La donna venne trovata in possesso di un biglietto di viaggio fornito dalla “Transalpino Ltd”, la filiale inglese diretta da Brandi. Riporta un’informativa del Ministero dell’Interno che ad affiancare alla direzione della “Transalpino” inglese Antonio Brandi era Aldo Vittorio Bevacqua, il quale figurava all’epoca nel comitato di redazione della rivista a tema ordini cavallereschi “Adunata”, presieduto dal principe massone Giovanni Alliata di Montereale. Il nobile siciliano era stato già indicato dal bandito Gaspare Pisciotta tra i mandanti della strage di Portella della Ginestra in cui, il primo maggio 1947, vennero uccise 14 persone. Nel 1974 Alliata era fuggito dall’Italia perché colpito da mandato di cattura con l’accusa di “cospirazione politica mediante associazione”, emesso nell’ambito dell’inchiesta sull’organizzazione eversiva neofascista “Rosa dei Venti”.

dall’avvocato difensore di Antonio Brandi riceviamo e pubblichiamo la seguente richiesta di rettifica:
Io, Antonio Brandi, intendo smentire diverse affermazioni ivi contenute, le quali screditano la mia persona e la manifestazione del 21 maggio scorso. L’autore riporta una serie di fatti falsi oppure non rilevanti rispetto alla Manifestazione Nazionale per la Vita, la quale ha un proprio Comitato promotore e non ha alcuna connotazione politico-partitica. I partecipanti alla Manifestazione, migliaia di famiglie italiane, hanno peraltro ricevuto un saluto e un ringraziamento da parte di Papa Francesco domenica scorsa, per il loro “impegno a favore della vita”. L’autore dell’articolo scrive diverse affermazioni false: è totalmente infondato che la società “Transalpino”, la cui filiale inglese ho diretto fino all’82, venisse usata dalle organizzazioni della destra eversiva per dare copertura ai latitanti. Inoltre, non ricordo di aver avuto alcun contatto con
il latitante Mauro Meli o “Mario Grasso”. Per quanto riguarda Aldo Bevacqua (del quale si menzionano collegamenti irrilevanti sussistenti cinquant’anni fa), egli non mi affiancava nella direzione della “Transalpino” in quanto non aveva alcun incarico direttivo in essa (egli dirigeva una diversa società, Discovery Great Britain). Mi riservo la facoltà di valutare ogni azione legale al fine di ristabilire la verità e tutelare la mia reputazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Covid, i dati: altri 17.744 nuovi contagi e 34 vittime. Tasso di positività all’11% e terapie intensive sotto quota 300

next
Articolo Successivo

“Una commissione indipendente sugli abusi”: l’appello ai vescovi dal comitato anti-pedofilia. “Aprite gli archivi e aiutate verità e giustizia”

next