Joe Biden, Anthony Blinken, ma anche Mark Zuckerberg e Morgan Freeman. Quasi mille cittadini statunitensi non potranno più mettere piede in Russia. Il bando con i nomi, pubblicato dal ministero degli Esteri di Mosca, arriva in risposta alle sanzioni e allarga il fossato con Washington sullo sfondo del conflitto in Ucraina. Sul fronte pro-Kiev è invece Londra ad alzare il livello della contrapposizione con i russi, proponendo agli alleati di fornire armi moderne anche alla Moldavia. Il bando “permanente” in Russia per 963 americani riguarderà i vertici dell’amministrazione americana, dal presidente alla vice Kamala Harris, passando per il segretario di Stato Antony Blinken, il capo del Pentagono Lloyd Austin e quello della Cia William Burns.

Di mira sono stati presi anche il figlio di Biden, Hunter, e Hillary Clinton, e la lista nera si è allargata a figure comunque molto influenti negli Stati Uniti e a livello internazionale. Come il fondatore di Facebook Zuckerberg e la star di Hollywood Freeman. Quest’ultimo accusato in particolare di aver registrato un video nel 2017 in cui affermava che Mosca stava complottando contro gli Stati Uniti. Per la Russia si è trattato di una risposta “appropriata” alle “azioni ostili” delle “autorità americane e di coloro che le servono”, perché “fomentano la russofobia”, ha spiegato il ministero degli Esteri guidato da Lavrov, riproponendo le accuse di “neocolonialismo” e di mancato riconoscimento delle “nuove realtà geopolitiche”.

Alla lista nera sono stati aggiunti anche 26 cittadini canadesi, inclusa la moglie del premier Justin Trudeau, come parte di una nuova controffensiva diplomatica che nei giorni scorsi aveva portato all’espulsione di decine di diplomatici italiani, spagnoli e francesi in risposta all’allontanamento del personale russo da Roma, Madrid e Parigi. Quanto ai diplomatici americani, l’obbligo di lasciare il Paese era già scattato due mesi fa. I russi hanno tenuto, almeno formalmente, la porta socchiusa, assicurando di “non cercare il confronto” e di essere “aperti a un dialogo onesto e reciprocamente rispettoso”. Ma dopo oltre 3 mesi continuano a portare portare avanti l’invasione dell’Ucraina. Londra in particolare, sostenitrice della linea dura nei confronti del Cremlino, teme che Vladimir Putin possa spingersi oltre e puntare anche alla Moldavia. In questo scenario la ministra degli Esteri britannica Liz Truss ha fatto sapere che il suo governo ha iniziato a discutere con gli alleati internazionali l’invio di armi moderne a Chisinau affinché possa proteggersi dalla Russia e di voler vedere il piccolo Paese a sud-ovest dell’Ucraina “equipaggiato secondo gli standard Nato”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Guerra Ucraina, Zelensky: “Tavolo con Mosca possibile, rispettata vita dei soldati a Mariupol. Alcune cose sono ottenibili solo col negoziato”

next
Articolo Successivo

Ucraina, la resa di Azov incide poco sul piano militare: ora la Russia deve saper trattare i prigionieri di guerra secondo le convenzioni

next