Nel trentesimo anniversario dalla scomparsa di Falcone e Borsellino, il Poligrafico e Zecca dello Stato rende omaggio ai due giudici con una moneta da due euro a corso legale e circolazione ordinaria in tutti gli Stati membri dell’Unione Europea: parte della collezione Numismatica 2022, è stata coniata per ricordare il sacrificio dei due magistrati nella lotta alla mafia.

La moneta, emessa oggi dal ministero dell’Economia e delle Finanze, si ispira ad una famosa fotografia di Tony Gentile del 1992 ed è stata realizzata dall’artista della Zecca italiana Valerio De Seta. Per la circolazione ordinaria, sono state coniate 3 milioni di monete, un contingente in valore nominale di 6 milioni di euro. Sul lato dritto dei 2 euro il volto sorridente dei due giudici tratto dalla fotografia scattata da Gentile durante un evento a Palermo. In alto, ad arco, la scritta “FALCONE – BORSELLINO“, con sotto le date “1992-2022“, rispettivamente l’anno della scomparsa dei due magistrati e l’anno in cui è stata emissa la moneta. Tra le date è inserito l’acronimo della Repubblica Italiana “RI”, a destra una “R” identificativa della Zecca di Roma. A sinistra “VdS”, sigla di Valerio de Seta e nel giro della moneta, le dodici stelle dell’Unione Europea. La moneta è stata coniata anche nella versione da collezione, dal valore nominale di 2 euro, in fior di conio e in proof, con una tiratura rispettivamente di 12 mila e 10 mila esemplari, a cui si aggiunge il rotolino da 25 pezzi in fior di conio in 10 mila esemplari.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Andria, due padri litigano all’uscita di scuola dei figli: uno tira fuori un’ascia dall’auto

next
Articolo Successivo

Abusi edilizi, il Comune di Sorrento ordina di demolire una parte di villa Zagara: ha appena ospitato il maxi-forum Ambrosetti per il Sud

next