“Se c’è una cosa sensata da fare, e che noi faremo, è andare da soli facendo un terzo polo della responsabilità e del pragmatismo, sperando poi di avere un risultato sufficiente per spaccare queste due coalizioni che sono sempre uguali, fare un governo di larghe intese tra i partiti europeisti e pragmatici, possibilmente con Draghi dopo Draghi“. Lo ha detto Carlo Calenda, leader di Azione, a margine del forum “Verso Sud” in corso a Sorrento. “Bisogna fare un lavoro serio – ha aggiunto Calenda – nel senso che la vera soluzione è creare un fronte vero come c’è in Europa, che va dai socialisti a Forza Italia. La distanza tra me e Mara Carfagna ed Enrico Letta è di molto inferiore a quella tra Conte e Letta e quella tra Carfagna e Meloni”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lega, alla kermesse spunta Mariano Apicella: “È Salvini il leader del centrodestra”. E canta per lui

next
Articolo Successivo

Palermo, l’appello di Maria Falcone dopo gli endorsement di Dell’Utri e Cuffaro a destra: “Chi si candida prenda le distanze da condannati per collusioni mafiose”

next