Si chiama Nadana Fridrikhson ed è un popolare volto del canale patriottico russo Zvezda, di proprietà del ministero della Difesa. È lei ad aver mostrato per la prima volta sulla tv russa le immagini di Mariupol distrutta, attribuendone la responsabilità ai “nazionalisti ucraini“. Ed è il primo nome sulla lista del Copasir (il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica) che in settimana audirà l’amministratore delegato della Rai Carlo Fuortes a proposito della polemica sulla presunta propaganda del Cremlino sulla tv italiana. Fridrikhson è comparsa più volte a L’Aria che tira e Dimartedì su La7 e a Cartabianca su Rai 3, negando la stessa esistenza di una guerra, ed è stata protagonista di aspri scontri dialettici – tra gli altri – con Lilli Gruber, Alan Friedman e David Parenzo. Quando si è iniziato ad accostare il suo nome agli accertamenti del Copasir ha reagito indignata: “È strano che in Italia stiano cercando di etichettarmi. Io parlo di quello che ho visto e di quello che so. E alle tv italiane che mi dicono “questa è propaganda”, chiedo: se un giornalista ucraino o un giornalista britannico o americano parlasse su canali televisivi italiani, le loro parole sarebbero contestate? Penso di no”, ha detto all’AdnKronos.

“Attenzionato” è ovviamente anche Vladimir Solovyov, il conduttore vicinissimo a Putin e considerato la voce ufficiale del Cremlino, che ormai è ospite fisso di Massimo Giletti a Non è l’Arena e possiede due ville sul lago di Como. Qualche giorno fa, di ritorno da una visita a Mariupol, ha mostrato in tv un missile NLAW, tra le armi fornite dalla Gran Bretagna agli ucraini, come “trofeo di guerra”: “Lo vedete bene il giocattolino?”, ha chiesto ai telespettatori Poi c’è Alexander Dugin, il filosofo ideologo di Putin e riferimento culturale dell’estrema destra italiana, intervistato in esclusiva da Paolo Del Debbio su Rete 4. E Maria Zakharova, la portavoce del ministero degli Esteri, anche lei intervistata in vari programmi Mediaset. Infine, ovviamente, la contestatissima intervista di Giuseppe Brindisi a Sergei Lavrov a Zona Bianca: “Per le parole che ha detto e per come le ha dette, per i richiami storici che ha fatto, è un elemento che desta preoccupazione”, aveva detto Urso, parlando di una “volontà russa di aumentare la tensione anche con la minaccia dell’utilizzo di armi non convenzionali”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ue, von der Leyen e Macron chiedono di rivedere i trattati: “L’unanimità non ha più senso”. Ma 13 Paesi già si schierano contro

next
Articolo Successivo

Premi Pulitzer 2022, menzione speciale ai giornalisti ucraini: “Per il coraggio, la perseveranze e l’impegno”

next