“In questo momento c’è bisogno di unità come non mai“. Enrico Letta traccia la rotta, almeno per i dem, rispetto alla guerra in Ucraina, sulla quale non mancano fibrillazioni all’interno della maggioranza del governo Draghi. “Uniti attorno al governo in una fase nella quale l’Italia sta assumendo grandi responsabilità a livello europeo ed internazionale – ribadisce il segretario del Partito democratico, a margine dell’Agorà organizzata dai dem sul tema della difesa europea – io credo che Draghi ieri abbia detto cose giuste a Starsburgo e credo che dobbiamo fare dell’Italia il Paese che spinge di più sulla pace, che l’Europa unita porta avanti. Questa è la nostra linea e per fare questo c’è bisogno di un governo e di una maggioranza unita e coesa”.

Per Letta “nessun dubbio” rispetto a possibili cambi di ‘mission’ e obiettivi Nato in Ucraina. “Mi fido di quello di cui il governo sta discutendo e il governo proporrà, ne discuteremo e da parte nostra non c’è nessun problema a discutere sia in Parlamento che fuori”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salario minimo, Pd via della commissione Lavoro in polemica con presidente M5s: “Sia una priorità, basta provocazioni di Conte”

next
Articolo Successivo

Ddl Zan, Cirinnà: “Confidiamo in un ripensamento di chi lo ha bocciato”. Il deputato dem: “I giovani vogliono la legge”

next