Con il rito del “presente” e il saluto romano (ripetuti tre volte con la chiama del “camerata Sergio Ramelli“.) si è concluso in via Paladini a Milano il corteo in ricordo del giovane militante del Fronte della Gioventù ucciso nel 1975 da un gruppo di esponenti di estrema sinistra legati ad Avanguardia Operaia.

Con fiaccole accese e bandiere tricolore, circa mille persone hanno camminato “schierate” in una marcia silenziosa partita da piazzale Gorini fino a raggiungere il luogo dove Ramelli è stato aggredito, a colpi di chiave inglese, il 13 marzo di 47 anni fa (morì un mese e mezzo dopo a causa dei traumi riportati).

Ad aprire il corteo lo striscione “Onore ai camerati caduti”. I militanti hanno concluso la commemorazione dopo il grido “rompete le righe”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, Rezza: “Situazione epidemiologica stabile, ma serve prudenza: al chiuso e in luoghi affollati tenere le mascherine”

next
Articolo Successivo

Covid, Iss: “Lieve aumento di casi asintomatici in fase iniziale. Tra 30-39 anni il più alto tasso di incidenza, tra 70-79 anni il valore più basso”

next