Una assistente scolastica è stata arrestata dai carabinieri di Brescia per maltrattamenti e lesioni aggravate ai danni di una bambina disabile che seguiva. L’arresto è scattato in flagranza di reato dopo che le indagini erano iniziate dalla denuncia dei genitori che hanno riferito di aver rinvenuto sul corpo inconfutabili segni di violenza fisica. Sono state pertanto attivate immediatamente le indagini, anche mediante l’installazione all’interno dell’aula di telecamere ambientali nascoste, che hanno consentito repentinamente di riscontrare quanto denunciato e di inchiodare la maestra, che durante l’orario scolastico avrebbe commesso ripetute violenze fisiche. I carabinieri sono quindi intervenuti immediatamente a scuola, portando via dall’aula l’assistente, che è stata immediatamente tratta in arresto, e poi si sono avvicinati alla bambina che era in un angolo. La piccola ha abbracciato il carabiniere ed è stata accompagnata fuori dalla classe. La donna è in carcere a Verziano.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Incidente stradale sulla Piacenza – Torino: auto si ribalta dopo tamponamento. Morti padre e figlio di 45 e 11 anni

next
Articolo Successivo

Covid, 58.861 nuovi contagi e 133 decessi. Il tasso di positività è al 15,4%

next