“La domanda di Draghi se preferiamo la pace o i condizionatori? Non la porrei in modo così manicheo perché poi il rischio è che la popolazione creda che se rinuncia ai condizionatori poi per questo c’è sul piatto la pace. Non credo che sia proprio così”. Così il leader M5s Giuseppe Conte, lasciando Montecitorio dopo un incontro con il gruppo M5s facendo riferimento alle parole del premier Draghi di ieri che in conferenza stampa ha risposto a una domanda di Carlo Di Foggia del FattoQuotidiano su un eventuale stop al gas russo.

“Dobbiamo in modo più articolato spingere per un Energy recovery fund, quella è l’unica strada vera insieme a uno scostamento interno per disporre l’embargo”, ha aggiunto Conte, sottolineando di essere “favorevole all’embargo” ma precisando che per farlo “bisogna convincere i Paesi europei” per un “piano europeo di acquisti del gas e stoccaggio comune”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cannabis, consigliere comunale Pd di Milano fuma marijuana davanti a Palazzo Marino: “Letta abbia più coraggio, il Parlamento è fermo”

next
Articolo Successivo

Incontro Draghi – sindacati. Landini: “Non abbiamo avuto risposte. Serve patrimoniale”. Cisl: “Soddisfatti dell’impostazione”

next