Sul Dl Ucraina si avvicina l’ipotesi del voto di fiducia al Senato. Questo escluderebbe la possibilità di presentare odg, compreso quello di Fratelli d’Italia sulla conferma dell’aumento degli armamenti al 2% del Pil, come da accordi Nato del 2014. La questione degli armamenti, dunque, si sposterebbe all’interno del Documento di economia e finanza, che il governo è pronto a varare già questa settimana. “Non consentiremo questo, su questo punto da parte nostra nessun passo indietro – ha affermato Giuseppe Conte, a margine della plenaria dei comitati del M5s – noi siamo contrari a questo riarmo che sarebbe inutile, sarebbe una follia. Una corsa forsennata al riarmo non significa più sicurezza per i cittadini e invitiamo il governo a venire con noi e perseguire la strada della ragionevolezza”. L’ex presidente del Consiglio ha replicato anche al ministro della Difesa Guerini: “Gli impegni presi con la Nato non li mettiamo in discussione, ma non possono essere onorati ora dopo due anni di pandemia e con la crisi energetica in atto”. Come anticipato dallo steso Conte ai cronisti, domani alle 17.3o è in programma un incontro con il presidente Draghi

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5S, Conte: “Rischio numeri flop nella votazione per la leadership? L’importante è investitura forte e chiara”

next