Il vice capo della polizia ucraina, il generale Vyacheslav Abroskin, si è offerto come ostaggio alle forze di invasione russe in cambio dell’evacuazione dei bambini e dei minori da Mariupol. Lo riferisce su Twitter Nexta tv e lo si legge sull’account Facebook dello stesso Abroskin: “Faccio appello agli occupanti russi – datemi l’opportunità di far uscire i bambini da Mariupol, mi offro al loro posto. Vi chiedo di farmi entrare in città per radunarli e organizzare la loro partenza, ho bisogno di tre giorni: poi mi consegnerò”, scrive il generale.
“Ancor prima che la guerra iniziasse, promisi agli abitanti della città che in caso di guerra, insieme ad Azov, avrei difeso Mariupol”, spiega nel corso del post. “I bambini rimasti in città, completamente distrutta, moriranno nei prossimi giorni se non interveniamo”. Abroskin ha combattuto contro i russi a Donetsk fra il 2014 e il 2018. “Questa è la mia iniziativa personale. La mia vita appartiene solo a me e la offro in cambio della vita dei bambini che restano ancora a Mariupol”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Guerra Russia-Ucraina, Putin: “In Occidente stanno cercando di cancellare la nostra cultura. L’ultima volta successe col nazismo”

next
Articolo Successivo

Arabia Saudita, missile su impianto petrolifero: incendio a Gedda alla vigilia della F1. Attacco rivendicato dai ribelli yemeniti

next