Da 11 giorni ormai in diverse città della Spagna gruppi di camionisti protestano contro il caro-carburanti: le manifestazioni consistono in “marce lente” in punti stradali strategici, nei dintorni di grandi città come Madrid e Barcellona. Le principali sigle sindacali hanno chiamato gli autotrasportatori a protestare contro il caro-prezzi che, dicono, “mette in pericolo posti di lavoro e condizioni di vita”: dimostrazioni in tutte le principali città della penisola.

Mercoledì gli organizzatori hanno parlato di diverse migliaia di adesioni: ai camionisti si sono aggiunti in alcune zone anche i tassisti e gli autisti di mezzi di trasporto pubblico come gli autobus. Martedì invece le proteste hanno bloccato con picchetti i punti di accesso al porto di Barcellona, provocando rallentamenti delle operazioni di carico e scarico merci. La ministra dei Trasporti Raquel Sánchez ha in agenda un incontro con i rappresentanti del settore per trovare possibili soluzioni al problema: nel frattempo, da diversi ambiti produttivi si denunciano disagi, legati allo sciopero, per problemi di forniture e distribuzione dei prodotti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Guerra Russia-Ucraina, Kiev denuncia l’uso di armi al fosforo sui civili: quali effetti hanno e cosa dicono i trattati internazionali

next
Articolo Successivo

Guerra Russia-Ucraina, allo zoo di Mykolaiv oltre 4000 animali. Il direttore: “Ogni giorno suona l’allarme antiaereo, ma continuiamo a lavorare”

next