CasaPound protesta in Sardegna contro il caro carburante: il movimento politico dell’ultradestra ha messo finte sacche di sangue nei distributori di benzina di Cagliari, Sassari e altre città dell’isola. Insieme alle sacche ha appeso striscioni con scritto “Un pieno di sangue”, e ancora: “Caro benzina, così uccidete l’Italia”.

In una nota diffusa dal movimento si legge che la protesta si rivolge contro il governo che “non ha ancora messo in atto alcun intervento per calmierare il prezzo del carburante” ed è accusato di non aver “alcun interesse nel salvaguardare cittadini ed imprese”: Destinatari della manifestazione sono “le grandi aziende petrolifere e l’incapacità del governo”.

Finte sacche di sangue appese ai distributori delle città sarde

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, Gimbe: “La curva dei contagi segna +36% in 7 giorni. Mantenere il Green pass e mascherina al chiuso. Vaccinazioni in stallo”

next
Articolo Successivo

Sondaggi, armi all’Ucraina dall’Italia? Il 55% è contrario. E il 62% boccia l’ipotesi di entrata in guerra della Nato contro la Russia

next