Un incendio ha coinvolto la raffineria Api di Falconara Marittima in provincia di Ancona nella mattinata di giovedì 24 febbraio. Le fiamme sono scaturite da una pompa di carica di ‘Cracking termico”, con il quale si producono idrocarburi paraffinici leggeri. Le fiamme, tenute sotto controllo, sono state domate verso l’ora di pranzo ma prosegue il monitoraggio sul posto per escludere ed evitare focolai residui. Una alta e densa nube di fumo nero si è alzata dall’impianto, rendendola visibile anche a lunga distanza e allarmando i cittadini. “Non si registrano feriti – precisa il Comune di Falconara in un post in cui informa i cittadini di quanto accaduto – L’incendio è classificato categoria 1 e ha fatto scattare la fase di preallarme”. L’azienda ha chiesto in un primo momento “il blocco dei treni”. Sul posto sono immediatamente intervenuti i vigili del fuoco, insieme a personale sanitario del 118, polizia e carabinieri. Anche gli addetti dell’Arpam, l’agenzia regionale per la protezione ambientale delle Marche, erano già presenti per un sopralluogo quando si sono propagate le fiamme.

Video Facebook/Franky Luchetta

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, Gimbe: “Frena la discesa dei nuovi casi, crollo delle vaccinazioni negli over 50. Non abolire mascherine al chiuso”

next