Chi ha fatto peggio nella partita per il Quirinale? C’è un podio di tre vincitori: Matteo Salvini, leader del Carroccio, detiene il primato assoluto con il 31% di preferenze. Giorgia Meloni si colloca nella seconda posizione, con l’8% di preferenze. Infine Matteo Renzi, leader di Italia Viva, ottiene un 6% di preferenze. Il 12% degli intervistati indica tutti i leader con eguale disapprovazione.

Chi si è comportato meglio? Colpisce la prima posizione di Giorgia Meloni di Fratelli d’Italia, che svetta con una preferenza del 15% degli intervistati e si colloca anche su questo podio. A seguire c’è il segretario dem Enrico Letta che si è aggiudicato il 9% delle preferenze. Terza posizione sul podio occupata dal leader del Movimento 5 stelle Giuseppe Conte, con l’8% di preferenze. Il 19% degli intervistati non indica nessun vincitore tra i leader politici nella battaglia per il Quirinale. Un 26% di intervistati invece dichiara di non sapere chi indicare e non risponde alle domande, mentre il 22% indica altri leader politici.

E’ quanto emerge dal sondaggio di Demos & Pi: l’istituto ha pubblicato le pagelle sui leader dei maggiori partiti politici nelle settimane dell’elezione del Presidente della Repubblica. Sono state intervistate più di mille persone chiedendo di dare un voto, indipendentemente dalle proprie preferenze politiche, ai leader di Lega, Movimento 5 Stelle, Partito Democratico, Fratelli D’Italia, Italia Viva e altri.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

M5s, i senatori Toninelli e Cioffi contrari alle modifiche sul doppio mandato: “Nessuna deroga, no ai politici di professione”

next
Articolo Successivo

Mattarella bis, il problema è che non c’è niente di nuovo: cambiamo aria

next