Un piano contro le speculazioni immobiliari: il comune di Amsterdam ha deciso di implementare, a partire dal 1 aprile, una norma di protezione sull’acquisto di case esistenti di un valore fino a 512mila euro. La norma regolamenterà gli acquisti degli immobili, impedendo agli acquirenti di affittarli nei successivi quattro anni a partire dalla data dell’acquisto: chi compra un immobile sarà costretto a viverci.

Le case sono fatte per vivere, non per fare profitti“, si legge in un comunicato stampa diffuso dalla città di Amsterdam. Secondo i dati del comune, la norma con il limite di prezzo di 512mila euro proteggerà il 60% delle case di proprietà dal rischio di finire nelle mani dei grandi investitori. La norma si inserisce in un mercato immobiliare che, ad Amsterdam, registra prezzi per gli acquisti e per gli affitti in costante crescita, insieme ad una grande scarsità dell’offerta. Negli ultimi 7 anni il costo di una casa di proprietà nella città è più che raddoppiato, raggiungendo un valore medio di circa 600mila euro. Per gli affitti, invece, il prezzo medio di un immobile ad Amsterdam è di 1.466 euro al mese.

La protezione dell’acquisto degli immobili viene applicata con una legge entrata in vigore dal il 1 gennaio 2022. Il Comune di Amsterdam ha dichiarato che approverà definitivamente il nuovo piano il prossimo 16 febbraio. Oltre a quello di Amsterdam, altri 130 comuni olandesi tra cui Rotterdam e Utrecht prevedono di applicare la legge sul proprio territorio comunale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Siria, capo dell’Isis muore durante un blitz Usa: si è fatto esplodere. 13 vittime, anche 6 bambini. Biden: “Disperato atto di codardia”

next
Articolo Successivo

Ucraina, Pentagono: “Russia vuole invaderla con un falso pretesto”. Cremlino: “Falso, non è la prima volta che gli Usa lo dicono”

next