Quattromila euro per un’emoji. Tanto è costata a Laura Bocchi, consigliera comunale leghista di Verona, l’immagine stilizzata di un escremento con occhietti e boccuccia, infilata in un post su Facebook in cui attaccava Chiara Tosi, avvocato e attivista ambientale, per essersi opposta a un taglio di alberi volto a realizzare una linea filobus. Un commento che in realtà – riporta il quotidiano locale L’Arena – era espresso in tono “aspro, duro, ma non di per sè offensivo“. Fatta salva, appunto, l’emoji dell’escremento. Che il giudice civile Claudia Dal Martello, adita da Tosi, aveva subito ordinato di rimuovere dal post in via cautelare (prevedendo una sanzione di 150 euro per ogni giorno di “disobbedienza”), in quanto “apposto come attributo gratuitamente offensivo che supera il limite della continenza: la critica sull’operato di Chiara Tosi si sarebbe potuta esprimere senza ricorrere a immagini di dileggio, superflue rispetto al diritto di manifestare il proprio disappunto o disaccordo”.

Il disegnino incriminato è stato in effetti cancellato, ma la causa è andata avanti per altri due anni. Risultato finale: Bocchi condannata a mille euro di risarcimento più altri tremila di spese legali. Con l’obbligo accessorio di pubblicare ogni giorno, per sette giorni di fila, sulla propria bacheca di Facebook questa formula: “Come disposto della Sentenza n. 107/2022 del 24/1/2022 provvedo a pubblicare quanto segue: “Il Tribunale di Verona… omissis… accerta che l’emoticon dell’escremento apposto nel post pubblicato nel proprio profilo facebook il 29.12.2019 da Laura Bocchi è lesivo della persona di Chiara Tosi e della sua reputazione“. Una versione “social” del classico obbligo di pubblicazione della sentenza sui quotidiani, che la consigliera ha iniziato a ottemperare. Esprimendo, anzi, “soddisfazione” per il riconoscimento, da parte del giudice, che il suo post “aveva i requisiti di interesse pubblico e di verità”, fatta eccezione per l’emoticon “che – puntualizza – solo ironicamente, dal mio punto di vista, avevo introdotto nella frase”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Catania, atti di vandalismo durante la notte negli uffici della segreteria politica di Claudio Fava: la polizia apre un’indagine

next