“Berlusconi al Quirinale? Il Paese ha bisogno di un presidente che possa esprimere un minimo di autorità morale. E con Berlusconi siamo fuori come i balconi, non esiste”. Così Pier Luigi Bersani, ospite di ‘Accordi&Disaccordi’, il talk politico condotto da Luca Sommi e Andrea Scanzi in onda su Nove, ha commentato la candidatura dell’ex premier al ruolo di presidente della Repubblica. “Avessero avuto il buon senso di bloccare dall’inizio la cosa, anche col pretesto di dire: ‘Siamo fifty fifty, non bruciamoci, cerchiamo di capire con gli altri come possiamo venirne fuori’ – ha spiegato il deputato di Leu – Si sono inventati che i numeri ce li hanno, ma i numeri non ce li hanno, tanto meno con una figura che non è solamente divisiva, è identitaria dal lato sbagliato – ha detto il presidente di Articolo uno riferendosi al Cavaliere – Non c’è neanche bisogno di dire che è divisiva, per il suo profilo personale non può essere accettabile per gli italiani, questo è il punto. Perché di un presidente, la prima cosa che gli italiani vogliono capire, è che sia per bene, che sia competente, che possa esercitare un po’ di autorità morale”, ha concluso Bersani.

‘Accordi&Disaccordi’ è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia e sarà disponibile in live streaming e successivamente on demand sul nuovo servizio streaming discovery+ nonché su sito, app e smart tv di TvLoft. Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bassetti ad Accordi&Disaccordi (Nove): “Meglio che Omicron circoli perché ci porta verso l’immunità di gregge”

next
Articolo Successivo

Andrea Scanzi dedica L’affondo a Gianluigi Paragone: “Da leghista a grillino, infine boomer no vax: perché dice e fa certe cose”

next