Personalmente non sono nessuno per proporre nomi ai grandi elettori per l’elezione del nuovo Capo dello Stato. Mi lasciano decisamente perplesso i tanti “nessuno” come me, che in un conato di narcisismo delirante si atteggiano a “propositori”.

Mi limito dunque a fare quale domanda e abbozzare un ragionamento. La prima domanda è banale: perché deve essere il centrodestra, che ha meno grandi elettori del centrosinistra e del M5S, a proporre il nome? Perché tocca a loro? Sulla base di quale ragionamento il centrosinistra non deve avanzare una candidatura avendo i numeri dalla sua parte? Perché lo ha detto Renzi?

La seconda questione riguarda la questione di genere. Verissimo che i tempi sono maturi per avere una donna al Quirinale (ma anche a Palazzo Chigi). Ma la questione di genere non può far digerire qualunque nome al centrosinistra e al M5S. Mettere una donna al Quirinale “a prescindere” è un grimaldello per far digerire l’indigeribile e Matteo Salvini sembra averlo capito prima di tutti, proponendo la Casellati.

Sullo sfondo resta l’insipienza del centrosinistra impantanato in una palude fatta di piccole ambizioni, di presunzione e soprattutto condizionato dagli errori devastanti del passato: i 101 franchi tiratoti che affossarono Prodi pesano come non mai e oggi credo siano pochi a volersi esporre in una candidatura che, nella migliore delle ipotesi, sarebbe l’ennesimo festival delle coltellate alla schiena.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Volere ‘una donna al Quirinale’ non significa niente. La verità è che non sapremmo fare nomi

next
Articolo Successivo

“Riccardo Fraccaro ha incontrato Salvini e promesso voti per Tremonti al Colle”. Procedimento disciplinare per il deputato M5s

next