“Quello che stiamo facendo a Bollate dovrebbe essere la normalità anche su scala nazionale ma purtroppo ancora non lo è. Non so perché, ma chi può fare qualcosa, lo deve fare”. Il sindaco di Bollate Francesco Vassallo usa queste parole per descrivere l’iniziativa lanciata dalla sua amministrazione in occasione del rientro a scuola. In questi giorni sono stati distribuiti 17mila kit contenenti cinque test rapidi salivari agli studenti dei nidi, materne elementari e medie. “L’obiettivo è l’autosorveglianza sanitaria” spiega il sindaco mentre distribuisce i tamponi ai ragazzi e alle ragazze dell’istituto comprensivo “Montessori”. In questa scuola ogni classe “ha tra i due e i sei positivi in dad” spiega la dirigente scolastica Anna Origgi come “disastrosa” la situazione al rientro. “È un continuo ritarare le norme e le regole interne – conclude la preside facendo un esempio – alcuni ragazzi si presentano a scuola senza mascherina ffp2 ma come scuola non abbiamo da darle”. Il ragazzo dunque si trova già a scuola già a scuola ma “non possiamo mandarlo a casa, non possiamo dargli una ffp2 e nel frattempo dobbiamo cautelare i compagni nella classe”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scuola, per tenere i ragazzi al sicuro dovremmo segregarli: un lockdown ingiustificabile

next
Articolo Successivo

Didattica a distanza, le Regioni smentiscono di voler chiedere più poteri al governo: “Non è stato approvato alcun documento”

next