Un operaio è morto schiacciato dalla cabina di un escavatore nel corso del pomeriggio in un cantiere stradale a Besana in Brianza. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco, gli agenti della polizia locale e il personale del 118, che ha solo potuto constatare la morte dell’uomo, dell’apparente età di cinquant’anni.

Si tratta del secondo operaio morto schiacciato in un cantiere stradale in due giorni. Recente infatti il decesso, a Novate Milanese, di un 63enne: è stato colpito dalla parte estrema del braccio di un escavatore, che si era staccata.

A Milano invece un lavoratore di 47 anni è stato schiacciato da un armadio cassaforte del peso stimato di circa 3 quintali durante una ristrutturazione. L’uomo ha riportato trauma addominale e del bacino e a un braccio. Soccorso, è stato trasferito in codice rosso nell’ospedale Niguarda di Milano.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dipendenti no vax, Ikea in Uk pagherà solo il minimo legale a quelli che prendono il Covid. Citigroup pronta a licenziarli da fine mese

next
Articolo Successivo

“Scrivevo 400 articoli all’anno, ho chiesto di essere assunto ma mi hanno lasciato a casa”: a Genova il presidio per i precari di Repubblica

next