Un operaio di 63 anni è morto a Milano dopo essere stato colpito alla testa da una benna che si è staccata dall’escavatore. L’uomo stava lavorando in un cantiere edile a Novate Milanese, nella provincia del capoluogo lombardo, quando attorno alle 17 di lunedì 10 gennaio la parte estrema del braccio scavatore si è staccata, colpendolo. Anche se è stato soccorso immediatamente, l’operaio è arrivato all’ospedale Niguarda di Milano già in arresto cardiaco. Gli operatori del 118 hanno provato a rianimarlo, ma non c’è stato niente da fare.

Solo poche settimane fa, all’indomani del crollo della gru che a Torino ha ucciso tre operai il 18 dicembre, il direttore dell’Ispettorato nazionale del lavoro Bruno Giordano ha dichiarato al Tg3, che nove imprese edili su dieci non sono in regola. Le statistiche (ferme a ottobre) dicono che i morti sul lavoro nel settore dell’edilizia sono un decimo del totale del 2021 (98 su 1017). Poco dietro – tra i settori più rischiosi – ci sono trasporti e logistica. In quell’occasione il presidente della Repubblica Sergio Matterella ha definito gli incidenti sul lavoro “scandalosamente gravi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Lavoro, Istat: “A novembre +64mila occupati”. -21mila lavoratori stabili, aumentano solo i precari. Recupero per gli autonomi

next
Articolo Successivo

Turismo invernale, i lavoratori: “Gli imprenditori lamentano il calo degli affari ma a subire la crisi siamo noi. Ci offrono finti part time e pretendono 70-80 ore a settimana”

next