Papa Francesco ha scritto una lettera alla religiosa americana Jeannine Gramick, paladina dei diritti Lgbtqi negli Stati Uniti. Un gesto che viene interpretato come una vera e propria riabilitazione, dopo che la suora, co-fondatrice del Ministero delle Nuove Vie dell’Apostolato Cattolico, negli anni passati era stata bersagliata sia dall’episcopato Usa che dalle sanzioni punitive della Santa Sede. Suor Gramick – ricorda la rivista dei gesuiti statunitensi America – festeggia i 50 anni di lavoro e di sostegno per le persone Lgbtqi. Indicando il suo anniversario come motivo della propria lettera, il Papa si congratula con lei in spagnolo per “50 anni di vicinanza, di compassione e di tenerezza” in un servizio che descrive come “nello stile di Dio”.

L’impegno di suor Jeannine Gramick non ha mancato però di suscitare controversie nel mondo cattolico. Infatti, quasi dall’inizio del loro lavoro nel Ministero delle Nuove Vie, suor Gramick e l’altro co-fondatore padre Robert Nugent, della Società di San Patrizio per le missioni estere, hanno incontrato la resistenza delle autorità ecclesiastiche per i programmi offerti in tutto il Paese, che hanno educato i cattolici alla scienza, alla sociologia e teologia dell’omosessualità. Alcuni vescovi negli Stati Uniti – ricorda sempre la rivista America – hanno fatto pressioni sui superiori di suor Gramick per rimuoverla dal ministero. Quando questi hanno rifiutato di farlo, la Congregazione per la Dottrina della Fede ha avviato un’indagine di 11 anni che si è conclusa con una notifica, in cui si affermava che le presentazioni di suor Gramick e padre Nugent sull’omosessualità non rappresentavano accuratamente “il male intrinseco degli atti omosessuali e il disordine oggettivo dell’inclinazione omosessuale”, e bandiva i due da qualsiasi attività pastorale legata alle persone Lgbtqi.

Proprio il mese scorso, dopo che la Segreteria Generale del Sinodo dei Vescovi ha rimosso dal suo sito web un link a un webinar ospitato dal Ministero delle Nuove Vie, lo stesso Ministero ha rivelato che papa Francesco gli aveva scritto due lettere all’inizio dell’anno lodando il suo servizio. Il collegamento al webinar è stato successivamente ripristinato. In quelle lettere, Francesco, scrivendo di suor Gramick, riconosceva di sapere “quanto ha sofferto”, descrivendola come “una donna valorosa che prende le sue decisioni in preghiera”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bonus psicologo, quasi 200mila firme per la petizione che chiede al governo di reintrodurlo: “27,5% dei pazienti non ha potuto iniziare il percorso per ragioni economiche”

next
Articolo Successivo

Bonus psicologo nel Lazio: la Regione istituisce un fondo da 2,5 milioni di euro e voucher da usare in strutture pubbliche

next