Con la variante Omicron del coronavirus Sars Cov 2 più giovani finiscono in ospedale, ma i ricoveri restano nettamente inferiori a quelli registrati con le ondate precedenti e il quadro clinico del Covid 19 è più “leggero”, tanto che il tasso di mortalità tra i ricoverati è passato dal 29,1% della terza ondata al 2,7% della quarta. È quanto emerge dall’analisi comparata dei ricoveri in ospedale nelle prime tre settimane di ciascuna delle quattro ondate della pandemia in Sudafrica, realizzato dal network di ospedali privati Netcare e pubblicato su Jama (Journal of the American Medical Association). Il paese africano ha dichiarato di aver superato il picco “senza un aumento significativo dei decessi” ed è stato revocato il coprifuoco.

Dall’analisi è emerso che, tra quanti si presentavano in ospedale, il tasso di ricovero è sceso dal 68-69% nelle prime tre ondate al 41,3% con la quarta ondata, una riduzione di circa il 40%. Diminuisce anche l’età media dei ricoverati: da 59-53 anni a 36 anni. Diverse sono anche le caratteristiche cliniche dei pazienti che si rivolgono in ospedali, in particolare nell’ultima ondata solo il 31,6% è arrivato in ospedale con insufficienza respiratori acuta, contro il 91,2% dei casi con la variante Delta e il 72% della forma originale del virus.

Durante le prime tre settimane della quarta ondata i tassi di ricoveri in terapia intensiva sono stati del 18,5%, nettamente inferiori al 29,9% della terza ondata, al 36,6% della seconda e al 42% della prima. Crollata anche la proporzione di pazienti che ha avuto bisogno di ossigenoterapia, che è passata dal 74% nelle prime tre settimane della terza ondata al 17,6% dell’era Omicron. Anche il bisogno di ventilazione meccanica è sceso dal 16,4% e 12,4% della prima ondata e terza ondata all’1,6% della quarta. I ricercatori invitano comunque alla prudenza nell’interpretazione dei dati, in quanto alcuni dei pazienti, specie nella quarta ondata, potrebbero essere andati in ospedale per altri motivi e avere scoperto lì di essere positivi. Nell’ultima ondata, secondo lo studio, solo il 24,2% delle persone ricoverate era vaccinata contro Covid-19.

Lo studio su Jama

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Un fisico italiano tra i cinque scienziati di punta secondo Nature. Lo studio dei muoni e la possibilità di una nuova fisica

next
Articolo Successivo

Luna, Marte e il ritorno dell’acceleratore di particelle del Cern, la scienza nel 2022 secondo Nature

next