Lo spread, ovvero la differenza di rendimento tra un titolo di Stato decennale tedesco e l’equivalente italiano, ha sfiorato questa mattina i 140 punti base, il livello più alto dal novembre 2020. Un movimento dovuto all’incremento di rendimento dei Btp salito a 1,117% (il Bund tedesco è rimasto sostanzialmente fermo). L’approssimarsi delle festività riduce i volumi di compravendita sui mercati, circostanza che facilita movimenti di prezzi più decisi. Tuttavia è possibile che gli investitori inizino a fiutare aria di turbolenze politiche, indipendentemente da come finirà la corsa alla presidenza della Repubblica, un aumento delle tensioni nella maggioranza è infatti da mettere in conto. Il segnale odierno interferisce con la teoria espressa ieri da Mario Draghi per tracciare il suo cammino verso il Quirinale.

“Se è vero che lo spread è più alto ora di quando sono arrivato vuol dire che non sono uno scudo quindi il problema non c’è”. Così il premier Mario Draghi, aveva risposto ieri in occasione della conferenza stampa di fine anno, ad una domanda che evidenziava come nell’ultimo anno lo spread fosse cresciuto e, se lui venisse eletto al Quirinale, potrebbe venir meno per l’Italia lo scudo rappresentato dall’ autorevolezza dell’ex presidente della Bce. Draghi ha poi aggiunto “Ripeto: non sono i singoli individui a rappresentare la forza dell’Italia ma quello che ha fatto il paese, come ha reagito anche a livello psicologico. Se si continua a crescere la preoccupazione per lo spread è minore, i mercati guardano alla crescita prima di tutto, è quello il barometro di credibilità dei paesi e del nostro in particolare”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Draghi e l’illusionismo sulla riforma dell’Irpef: “Premia chi guadagna meno”. Ma i dati di Mef e Parlamento dicono il contrario

next
Articolo Successivo

Il crollo di Torino conferma quanto serva rendere obbligatorio il modello per il crimine d’impresa

next