“Abbiamo ribadito le nostre critiche al provvedimento fiscale perché è necessaria una vera riforma fiscale e una lotta all’evasione. Riteniamo insufficiente inoltre il provvedimento sulle delocalizzazioni, bisogna aprire una discussione sulle filiere industriali e sugli investimenti. Infine abbiamo ribadito al M5s, che fa parte del governo, che è necessario cambiare metodo: il confronto con le parti sociali deve avvenire prima che le varie forze politiche abbiano già definito le loro mediazioni e soluzioni”. Lo ha dichiarato il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, al termine del confronto con Giuseppe Conte e altri referenti del M5s avvenuto in Senato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Otto euro l’ora per i sottotitolisti del Televideo. Poco più per i resoconti di Giunta alla Camera: quando è lo Stato a offrire lavoro povero

next
Articolo Successivo

Rinnovato il contratto della pubblica amministrazione centrale. Piccoli aumenti e nuove regole per carriere e smart working

next