Che il Sudafrica, dove è stata rilevata la prima volta la variante Omicron, pensasse a sviluppare un vaccino era noto. Oggi la notizia è potrebbe essere testato in Italia. “I colleghi del Sudafrica ci chiedono di collaborare alla sperimentazione di un nuovo vaccino mRna adaptive che stanno brevettando lì. Faremo un incontro a gennaio e partiremo con la sperimentazione allo Spallanzani – annuncia il direttore sanitario dello Spallanzani, Francesco Vaia, a margine degli auguri di Natale con i dipendenti – È un vaccino contro Omicron perché nasce lì in Sudafrica. Questa è una buona notizia”.

A fine ottobre era emerso che un consorzio sudafricano, sostenuto dall’Organizzazione mondiale della sanità, stava lavorando allo sviluppo del primo vaccino a Rna messaggero anti Covid da produrre nel e per il continente africano, per porre finalmente fine alla dipendenza dai paesi con maggiori possibilità economiche e industriali. La tecnologia è la stessa di Pfizer-Biontech e Moderna. La società di biotecnologie Afrigen, con sede a Città del Capo, sta portando avanti un progetto pilota per ricostituire una formula che riproduca il composto di Moderna. Le prime dosi dovrebbero essere pronte per i test clinici entro un anno. Poi servirà un accordo di licenza con il gigante farmaceutico statunitense per la produzione.

Pfizer e Moderna sono già al lavoro per aggiornare i composti anti Covid. Certo è che Omicron si conferma rapidissima nella sua propagazione ed in questa fase. A quasi un mese dalla rilevazione della mutazione, la comunità scientifica internazionale non dispone ancora di dati sufficienti per poter valutarne a pieno il grado di pericolosità. Di certo, c’è il suo alto grado di trasmissibilità, tanto che finora è stata segnalata in 89 Paesi e sta raddoppiando i contagi ogni 1,5-3 giorni. Preoccupa soprattutto che Omicron si stia diffondendo rapidamente nei paesi con alti livelli di immunità della popolazione, ma l’Oms ha spiegato che non è chiaro se ciò sia dovuto alla capacità del virus di eludere il vaccino, alla sua maggiore trasmissibilità o a una combinazione di entrambi. Quindi, è il parere dell’organismo sanitario Onu, “sono necessari più dati per comprendere il profilo della gravità” della variante e se i vaccini attuali siano efficaci. Allo stesso tempo, si avverte, in questa situazione gli ospedali in alcuni Paesi potrebbero essere “sopraffatti” a breve.

In Olanda è stato già introdotto il lockdown è ritornato una realtà e l’avanzata della variante in Europa ha convinto alcuni Paesi, come Italia, Portogallo, Grecia e Irlanda, a proteggere i propri confini, imponendo un test all’ingresso per gli arrivi dal resto dell’Ue. Anche l’Austria ha fatto un passo in avanti per proteggersi meglio da Omicron: dal 20 dicembre solo chi ha già ricevuto la terza dose potrà entrare nel Paese. Per gli altri vaccinati o guariti, obbligo di tampone pcr negativo non più vecchio di 72 ore. Per i non immunizzati una quarantena di dieci giorni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ecco la “voce” della luna più grande di Giove, la sonda Juno della Nasa ha registrato i rumori di Ganimede

next
Articolo Successivo

Un altro guru sui giornali: io ne ho abbastanza… voi?

next