Più silenzi che risposte. Matteo Renzi concede poche domande prima di partecipare ad ‘Atreju – Il Natale dei conservatori‘, la kermesse organizzata da Fratelli d’Italia a Roma. Per il leader di Italia Viva: “non è decisivo se il prossimo presidente della Repubblica verrà eletto nelle prime tre elezioni, quando è richiesto per l’elezione del successore di Mattarella i due terzi dei voti del Parlamento.

“Ci sono stati casi di Presidenti straordinariamente amati ed eletti dopo molte votazioni”. E dalla quarta votazione, quando basterà la maggioranza assoluta, che Berlusconi conserva ambizioni di diventare il prossimo Presidente della repubblica: “Questo giochino di continuare a discutere di nomi non porta da nessuna parte”. E se dunque il fondatore di Forza Italia sia votabile, nonostante una condanna definitiva per frode fiscale, Renzi preferisce non rispondere. “A gennaio il metodo che noi proponiamo è un metodo più condiviso possibile. Per me – continua – l’ex presidente del Consiglio – bisognerebbe eleggerlo tutti insieme, da Meloni ai 5 Stelle, da Letta a Salvini. Poi ci sono le condizioni per farlo? Difficile”.

Renzi che partecipa al dibattito ‘Analisi, necessità e prospettive di una riforma dello Stato in senso presidenziale‘ con Marecllo Pera, Luciano Violante ed Ignazio La Russa, alla domande se percepirà un compenso per partecipare al ‘Global Summit Forum’ nei prossimi due giorni negli Emirati, non risponde.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Regeni, Roberto Fico: “Non c’è nessuna possibilità che come Stato Italiano ci fermiamo nella ricerca della verità”

next
Articolo Successivo

Quirinale, Renzi va alla festa FdI e serve l’assist al centrodestra: “Avete i numeri per prendere l’iniziativa. Tocca a voi proporre un nome”

next