Pochi giorni fa due aggressioni in poche ore: una violenza sessuale sulla linea Milano – Varese, vittima una 21enne che stava tornando a casa dopo una giornata di lavoro, e un successivo tentativo di violenza nella stazione di Venegono Olona, sempre a Varese, ai danni di un’altra 22enne. Sono stati arrestati un 21enne e un 27enne marocchino. Due episodi che dimostrano, ancora una volta, la mancanza di sicurezza sui mezzi di trasporto.

Per tentare di dare una risposta al problema è stata lanciata su change.org una petizione per chiedere, sui treni, la presenza di carrozze riservate alle donne: “Con questa petizione chiediamo a Trenord di dedicare, su tutte le sue linee, la carrozza di testa alle donne. In questo modo, a qualsiasi ora, si potrà viaggiare sicure”, si legge nel testo. “Abbiamo il diritto di usare i mezzi pubblici a qualsiasi ora del giorno senza paura. In altri paesi, sui mezzi di trasporto anche locale esistono carrozze dedicate alle sole viaggiatrici”. L’idea sta facendo molto discutere e non trova ascolto fra chi chiede maggiore sicurezza e controlli più frequenti: non convince l’idea di isolare ulteriormente le donne.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccini, oltre 100 milioni di somministrazioni: ora la campagna va avanti con Moderna. Carenza di Pfizer: “In arrivo 2 milioni di dosi”

next
Articolo Successivo

Covid, Ema: “I dati sulla sicurezza per il vaccino ai bambini sono rassicuranti. Per ora i casi Omicron sono perlopiù lievi”

next