“Vogliamo diritti e tutele, con il lavoro non si può scherzare”. Lo dicono i 1322 lavoratori della compagnia aerea Air Italy che dal nove dicembre potrebbero iniziare a ricevere le lettere di licenziamento. Così, a una settimana di distanza dall’avvio della procedura di licenziamento collettivo, una delegazione ha portato la protesta di fronte alla sede del Parlamento europeo di Bruxelles, per chiedere l’intervento delle istituzioni europee. “Bisogna prorogare la cassa integrazione anche nel 2022 – spiegano in una nota i lavoratori – ma ad oggi manca l’istanza di Cigs da parte dei soci proprietari di Air Italy, Qatar Airways e Alisarda di Karim Aga Khan”. Per questo motivo il comitato ha portato le maschere bianche, simbolo della lotta, anche davanti alla residenza del principe Aga Khan, a Aiglemont vicino a Parigi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lavoro, Istat: “A ottobre +35mila occupati, tutti uomini. Su base annua 390mila in più di cui solo 118mila sono donne”

next
Articolo Successivo

Parmigiano Reggiano, dopo le polemiche il consorzio annuncia modifiche allo spot sul casaro che lavora “365 giorni l’anno”

next