“Mi hanno bucato dappertutto per salvarmi, perché mi hanno detto che i polmoni sono veramente distrutti”. A parlare da un letto dell’ospedale di Trieste è uno dei portuali no green pass in prima linea nelle proteste di poche settimane fa. “Pentito di non essermi vaccinato? Sì”, dice alle telecamere di La7. “Eravamo in piazza a dire la nostra e ora sono qua – spiega – Non ci ho proprio creduto, ero rigido, ma ora ho cambiato idea. Il Covid non è da sottovalutare, ma bisogna stare sempre in guardia per te e per gli altri”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Catania, un necrologio del 1978 vicino ai resti trovati nella grotta sull’Etna. Si indaga per collegare l’identikit a uno dei 12 nomi citati

next
Articolo Successivo

Istruzione domiciliare per gli alunni disabili che non possono andare a scuola, la bozza del decreto preoccupa le associazioni: ‘No a ghetti’

next