“Vogliamo tutelare i cittadini in un momento critico, che è quello natalizio. In alcune zone della città avremo probabilmente degli assembramenti, la logica è quella di preservare la salute pubblica”. Così Stefano Lo Russo, sindaco di Torino, commenta l’ordinanza che prevedere il ripristino dell’obbligo di mascherine all’aperto. “Non includiamo tutta la Città – spiega – ma ci concentriamo sulle zone più a rischio, quindi quella centrale, quelle mercatali e quelle della movida durante le ore serali. In più quelle a rischio come i luna park, gli stadi e le fermate del pullman”. Lo Russo sottolinea che “ci saranno controlli” ma che l’obiettivo non è quello di sanzionare. Sull’ipotesi di obbligatorietà fino all’estate, il primo cittadino sottolinea: “Auspico di no, però faccio un appello a tutti. L’unico strumento che abbiamo è vaccinarsi, è l’unica strada provata per uscirne”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, il report dagli ospedali ‘sentinella’: “Nelle terapie intensive aumentano i No vax, -10% di vaccinati. Trend dei ricoveri accelera”

next
Articolo Successivo

Alessandria, cacciatore scende dall’auto e spara ai cinghiali vicino all’ospedale: denunciato – Video

next