L’azienda francese Nexa Technologies è indagata a Parigi per “complicità in atti di tortura e sparizioni forzate” con l’accusa di aver venduto al regime egiziano apparecchiature di sorveglianza informatica che avrebbero consentito di rintracciare gli oppositori. Lo ha appreso l’Afp da una fonte vicina al caso.

Il pronunciamento del giudice per le indagini preliminari, responsabile delle indagini, risale al 12 ottobre, circa quattro mesi dopo quelli emessi nei confronti di quattro dirigenti della società, sostengono le fonti dell’Afp. L’avvocato di Nexa Technologies, François Zimeray, ha rifiutato di commentare.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Non tutti si possono candidare al Comitato degli italiani all’estero, ma in Australia si è andati oltre

next