L’annunciata riforma del fisco non piace. Reazioni negative giungono sia da Confindustria, sia dai sindacati. Particolarmente piccata la reazione degli imprenditori che non gradiscono il fatto che le risorse vadano soprattutto a favore dei lavoratori. “Se la bozza d’intesa tra partiti di maggioranza in materia fiscale dovesse essere confermata, saremmo in presenza di scelte che suscitano forte perplessità perché senza visione per il futuro dell’economia del nostro Paese”, avverte Confindustria che quasi pretende un confronto con il governo sul tema: “Vogliamo sperare che il Mef e il Governo tutto si renda conto di quanto sta accadendo e convochi al più presto congiuntamente le parti sociali, così come più volte richiesto”.

“L’intervento in legge di bilancio dovrebbe concentrarsi sulle vere priorità capaci di generare aumenti stabili del Pil, gli unici in grado di garantire la sostenibilità del nostro debito pubblico ed evitare futuri prelievi sui contribuenti ben più onerosi dei benefici che oggi si concedono”, dicono ancora gli industriali, che rilevano: “La sforbiciata alle aliquote Irpef disperde risorse limitate a soli 8 miliardi, con effetti impercettibili sui redditi netti delle famiglie italiane, soprattutto qualora il taglio fosse finanziato anche da una copiosa eliminazione delle agevolazioni Irpef”.

Il punto di partenza è diametralmente opposto ma quello di arrivo è identico. Anche il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini sollecitando una convocazione. “L’accordo con noi non è ancora stato trovato. Noi siamo in attesa di una convocazione. Come è noto noi pensiamo che gli 8 miliardi dovrebbero andare tutti ai lavoratori dipendenti e pensionati e non è il momento, questo, momento dell’Irap” afferma il leader della Cgil. Domenico Proietti segretario confederale della Uil commenta “Il taglio delle tasse previsto dalla legge di Bilancio deve essere realizzato attraverso un aumento delle detrazioni per lavoratori dipendenti e pensionati. Solo in questo modo, come sottolineato anche dalla Banca d’Italia, si avrà un risultato significativo per milioni di italiani. L’ipotesi che circola in queste ore di una revisione delle aliquote e degli scaglioni Irpef non risponde a questa esigenza

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Accordo politico sulla riforma Irpef, le aliquote da 5 a 4. Benefici (piccoli) soprattutto per i ceti medi. Sparisce il bonus Renzi

next
Articolo Successivo

Tim, l’ad Luigi Gubitosi pronto al passo indietro per agevolare l’offerta del fondo Kkr

next