Per la piccola vittoria di Mario (nome di fantasia) “ci sono voluti 14 mesi”. Ancora “troppo tempo”. A dirlo è Marco Cappato dopo la notizia sul caso di Mario, 43enne residente in un piccolo paese delle Marche, primo paziente in Italia ad aver ottenuto il via libera per poter accedere al suicidio assistito, come disciplinato dalla Corte costituzionale, nella sentenza Cappato/Dj Fabo del 2019. Paralizzato dalla testa ai piedi da dieci anni a causa di un incidente, per lui, spiega all’Ansa Cappato, dell’associazione Luca Coscioni, “non è ancora finita“. Non sono state ancora decise, infatti, “le modalità tecniche per l’auto-somministrazione del suicidio”. “Per l’accompagnamento attivo bisognerà invece aspettare l’esito del referendum per abrogare il reato di omicidio del consenziente che permetterebbe ad un medico di fare ciò che già fanno medici in Olanda, Belgio, Spagna e Lussemburgo”, spiega ancora. Come Mario, in Italia, ci sono altri pazienti che vorrebbero dare inizio all’iter. “Si contano sulle dita di una mano”, dice Cappato, ma “in giro per l’Italia ci potrebbero essere altri casi” anche perché “questa possibilità di scelta non è un diritto conosciuto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Violenza sulle donne, la Camera discute il finanziamento di 400 euro al mese per le vittime: in aula sono in otto

next
Articolo Successivo

Il reparto psichiatrico del carcere di Torino chiuderà: ne sono felice. Ma non fermiamoci qui

next